Kairo


E’ il secondo film di Kurosawa Kiyoshi che vedo (di Charisma ho parlato tempo fa), e sono ancora entusiasta del personalissimo stile di questo eccezionale regista giapponese. Il suo è un cinema decisamente horror, qui con reminiscenze romeriane (la visione finale), ma soprattutto con un occhio a quel “new japanese horror” che lui (con Cure, che cerco disperatamente) e Nakata (con Ringu, di cui ho parlato nel blog appena nato) hanno fatto nascere e visto crescere. Ma c’è qualcosa di più, che scava sotto l’orrore, e che lo distingue da Nakata.


Se Ringu era un film dalle radici sociologiche, Kairo è un horror esistenzialista e metafisico, una ghost-story in piena regola che, attraverso il contrasto tra i cari vecchi fantasmi e la rete di internet (tecnologia e soprannaturale, ma anche razionale e irrazionale) ci parla della solitudine dell’uomo contemporaneo, nonostante la retificazione, e forse a causa di essa. Un film sulla solitudine e sull’assenza, come confermano i bellissimi dialoghi, e il finale, che conferma la vena disperatamente apocalittica e pessimista che avevo visto nel finale di Charisma.


Per gli altri: fa paura. Mi sono proprio cagato in mano.

3 Thoughts on “

  1. Continuo con l’invidiarti per la visione di questi film;-)ciao!!

  2. utente anonimo on 30 giugno 2009 at 18:15 said:

    Uno dei più bei film di SEMPRE

    banjo

  3. utente anonimo on 30 giugno 2009 at 18:16 said:

    E poi c’è Koyuki Katō… cheffiga!

    Banjo

Rispondi a kassovitz Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

You can add images to your comment by clicking here.

Post Navigation