Frailty


Ciao, sono Bill Paxton, sono un attore mediocre, però ho fatto il feticcio del mio amico James Cameron un po’ qua e un po’ là e tutti si sono stupiti di come ho lavorato bene per Sam Raimi. Mi fate dirigere un film? Però non voglio fare un film normale, fuck, sono nato a Fort Worth, Texas, cazzo, voglio raccontare il maledetto e strafuttutissimo fanatismo religioso del southwest. E poi ho letto un sacco di roba Stephen King e c’è questa sceneggiatura di un tizio di Dallas, Texas che fa venire i brividi. Poi ci metto McConaughey che è l’attore incapace per eccellenza però è di Uvalde, Texas. E Powers Boothe, che è tutto una dentiera, ma è di Snyder, Texas…


We don’t kill people, we destroy demons.


Scherzi a parte… Si è parlato stranamente parecchio di questo film, ci mette un po’ a macinare, ma è già un piccolo cult. In effetti lascia davvero a bocca aperta, ma non ho ancora deciso se il mio fosse stupore o sconcerto. Dalla sua parte ha il fatto di essere talmente scombiccherato e assurdo da essere stimolante, e soprattutto di essere un prodotto (per l’idea del soggetto e per il ritmo che la trascina) assolutamente anomalo e fuori tempo massimo. Il che è molto positivo.


Di contro, pecca per regia, per recitazione. E la sceneggiatura (abile nel mescolare gli statuti del flashback, tra visione e racconto) fa un lavoro strano e un po’ discutibile sulle tematiche. Infatti, girando intorno al dubbio sull’effettiva “verità” delle visioni del padre, e rivoltando le carte un paio di volte, lascia trasparire alla fine una visione del mondo che, invece di distaccarsi dall’integralismo giustizialista metaforizzato dalla “mano di dio”, ci si immerge lasciando abbastanza sconcertati. Il che non dev’essere per forza negativo (almeno è coraggioso), però spaventa un po’.

9 Thoughts on “

  1. ciao Kekkoz, a proprosito di film che hai già visto… dopodomani vedremo 21grammi, diventa difficile commentare sui tuoi post più vecchi, ci vorrebbe un forum!!

  2. basta commentare sull’ultimo, e il problema è risolto :-)

  3. grazie per la visita, il tuo blog mi era scappato, ma sto rimediando…devo dire che sei veramente un grande (e ho sempre un grande rispetto per i cinefili ‘onnivori’ come te ^_^).

    per quanto riguarda Frailty, il finale mi ha effettivamente spaventato, la morale che cerca di sostenere è abbastanza inquietante e deviata. Non concordo del tutto sul giudizio del povero McConaughey, a mio avviso un giovane parecchio interessante…

    p.s. anche tu scienze della comunicazione a bologna? ma veniamo tutti da lì?

  4. grazie a te della visita e dei complimenti. io a comunicazione ho già dato 3 anni della mia vita, ma come vedi continuo imperterrito a usare i suoi laboratori… :-)

  5. L’hanno già fatto in due su questo post, ma ti ringrazio anch’io per la visita… il fim non l’ho visto, provvederò. Anch’io sono malata di cinema… e abbiamo parecchi “Guru” in comune :)

  6. eh, lo ammetto, ieri, in un momento di enpasse creativa da tesina, mi sono fatto un po’ di pubblicità in giro per splinder (ma solo sui bloghi che mi piacevano, giuro…)

  7. assie del link ricambio!

  8. COMUNICAZIONE AGLI AFFEZIONATI UTENTI:

    Bonny scrive poesiole in nuova nuova pagina di Occidente, accessibile sia dal nuovo indirizzo che da “occidente.splinder.it

    Chi mi ama mi segua…

  9. Bonny può essere tutto ma mai brava, al massimo bravo, un abbraccio.

    Bonny

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

You can add images to your comment by clicking here.

Post Navigation