Fratelli per la pelle


Dei Farrelly Brothers ho parlato e straparlato. Nel caso del loro ultimo film, Stuck on you, mi tocca ripetermi un po’. Ma è il bello del loro cinema: che è un corpus coerente e coeso al suo interno, straboccante di linee isotopiche (l’accettazione del diverso, l’elegia della provincia americana), e raramente stucchevole.


Stuck on you è divertente, ben scritto, ben recitato, con molti momenti irresistibili (il musical su Bonnie & Clyde, la rissa nel locale, i flashback sportivi), e alcune cadute di ritmo (ma quelle sono una costante per i Farrelly, basta saperlo in anticipo).


Quello in cui pecca (forse, ma è un male minore) non è, come hanno detto in molti, nei toni edulcorati: l’essere melensi è una dote che ammiro tantissimo nei Farrelly, e che fa parte del loro stile. Piuttosto è una certa pretestuosità nella trama, che rende lo sviluppo un po’ troppo “paratattico”.


Nonostante questo, alla fine viene fuori ciò che importa ai due registi, e cioè il cuore dei personaggi, la solidarietà delle comunità, il senso di fratellanza e attaccamento ai semplici valori della provincia. Non è poco. Bravi bravi.

5 Thoughts on “

  1. visto underworld. una merda.

  2. Mi fido allora, e non spreco i tre euro del noleggio.

  3. su underworld? ne parlo stasera o domani comunque.

  4. a proposito di Chiaki Kuriyama, ho letto che ama molto il genere “necro” e che ha realizzato dei film in giappone in cui fa “la morta”. qualcuno sa dove potrei procurarmi le suddette pellicole.
    rat, il vecchio sporcaccione

  5. “The Japanese businessman in the bar hoped to derive oral pleasure from the young Go Go Yubari. The key is in the word Ferrari. In the Japanese language, the letter L is often replaced by R due to the difficulty in pronouncing L. Sources have informed me that in some parts of Tokyo, Ferrari is just a codeword for fellati[o]. Given that information, the seemingly peculiar question “do you like Ferraris” makes a lot more sense.”

    ecco perché l’omino parlava a GoGo di Ferrari…
    rat, il vecchio porco

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

You can add images to your comment by clicking here.

Post Navigation