[FEFF2005]

Art of the devil (Khon len khong)


di Tanit Jitnukul, 2004

Terzo film dell’horror day, giornata dedicata a 7 film "de paura" panasiatici, più che un film dell’orrore è un orrore di film.

Storia di vendette e stregonerie, il film di Jitnukul (nomen-omen) è girato, scritto e recitato come un soft-core, ma purtroppo non c’è nemmeno il sesso. Spaventi nemmeno a parlarne, solo qualche schifezzuola come vomitare anguille, o vomitare lamette, o vomitare altre cose che non ricordo, perché sono in piena rimozione.

Una sola bella trovata visiva (la madre che accarezza i figli morti sul divano, ripresa dall’alto) e una sola bella trovata narrativa: la bambina-fantasma albina, una anti-Sadako perfetta per tempi in cui gli schermi sono saturi di capelli lunghi neri. Il resto è più o meno spazzatura, ma nemmeno così trash da essere almeno divertente.

Orribile.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

You can add images to your comment by clicking here.

Post Navigation