[amore a seconda vista]

Il post, qui.

2 Thoughts on “

  1. NOTE:

    *****************

    Non posso che riconfermare la mia preferenza per l’episodio giapponese: Box di Takashi Miike. Formalista sì, ma davvero sublime.

    Ammetto di avere (non esplicitamente sul blog, ma solo in chiacchierate informali) lievemente sopravvalutato Dumplings di Fruit Chan e lievemente sottovalutato Cut di Park Chan-wook: li considero comunque entrambi molto belli.

    Ma se l’episodio hongkonghese vibra soprattutto nelle corde drammatiche (clamorosa la scena della madre che si vendica dell’incesto) ricadendo con evidenza sui toni ironico-misogini, il coreano è invece irresistibile: vista la materia del trittico, dichiaratamente “eserciziale”, poco importa se è (e lo è) solo un divertissement privo della profondità degli altri film di Park.

  2. Penso che nello stesso giorno io ho rivisto Cut, abbassando di un pelo il mio gradimento (è un episodio che guadagna molto della sorpresa della prima visione), che resta comunque alto.

    Prima o poi rivedrò anche Box, e allora ti fischieranno le orecchie.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

You can add images to your comment by clicking here.

Post Navigation