Hooligans**
di Lexi Alexander, 2005

"Once you’ve taken a few punches and realize you’re not made of glass, you don’t feel alive unless you’re pushing yourself as far as you can go."

Non è così atroce come si prospettava, il primo lungometraggio della regista tedesca Lexi Alexander: certo, ci sono badilate di amicizia virile e profluvi di omoeroticità latente-ma-nemmeno-troppo, fiumi di scene madri strappaghiandole che in me trovano bersaglio facile, una moraletta tanto ambigua quanto esplicita (una voce off che dice "His life taught me there’s a time to stand your ground, and his death taught me there’s a time to walk away", che nemmeno Esopo, mi sembra davvero troppo), e soprattutto una quantità impressionante di botte. Ma davvero, botte da orbi. Tutto ciò farebbe pensare a una qualunque boiata da straight-to-dvd-please, se non fosse per la presenza potenzialmente commercializzante di Padron Frodo, peraltro perennemente lividomunito.

E invece la Alexander non butta proprio tutto al cesso, perché si vede in ogni scena che ci mette tutta se stessa, e perché il filmetto trasuda passione. Chiaro, vista la manona pesante con cui riprende i "duelli", con otturatori aperti a strafottere e un discreto talento caotico (vedasi le – poche ma ottime – scene di calcio) oltre ai fiottoni di sangue eccetera, quella grezzoncella della Alexander non è di sicuro la prima persona a cui chiederei un appuntamento al buio (semmai a Claire "sei inutile" Forlani, ovviamente bedda quanto inutile). Però il ritratto dell’americano sperduto le riesce davvero benino (anche se Charlie Hunnam è più bravo – e più figo – di Elijah Wood) e soprattutto presenta una storia in cui, catarsi individuale di questa fava a parte, va tutto ma proprio tutto nello stramaledetto peggiore dei modi. E ci garba il dramma sì violento e sì disperato, oh se ci garba.***
 

**il titolo originale è Hooligans, sostituito poi da Green Street nel Regno Unito e da Green Street Hooligans negli Stati Uniti

*** nonostante ciò, dopo aver visto gli ultimi due episodi di Prison Break tutta quest’ultima parte può essere sostituita dalla semplice frase "Hooligans è un film per fottute mammolette".

20 Thoughts on “

  1. utente anonimo on 16 giugno 2006 at 02:14 said:

    ok, allora messa così posso essere d’accordo :D

    è che qui il drammone ci garba un po’ meno.

    ma dai, alla regia c’è una donna. sono stupito, non l’avrei mai detto.

    Andrea

  2. Del Toro! Vogliamo Del Toro!!

  3. Ormai per i film dipendo da voi…Avevi detto che faceva schifo nei pregiudizi e mi avevi convinto:P…..adesso dici il contrario e mi hai convinto…sono troppo volubile…:)

  4. utente anonimo on 16 giugno 2006 at 11:21 said:

    Ehi, io oggi son passato di qua per trovare qualche commento sul “Labirinto del fauno” e invece mi ritrovo scritte opinioni su un altro film di cui avevo già sentito a voce. Sono deluso!

    Edo

  5. utente anonimo on 16 giugno 2006 at 11:25 said:

    il grassetto dona parecchio però.

    clos

  6. @andrea: infatti non si vede. secondo me è pelosissima.

    @private: calma, c’è tempo…

    @astor: più che il contrario, diciamo che si situa in una via di mezzo… se ne può fare a meno, comunque, dai.

    @edo: abbi fede…

    @clos: quale grassetto dona?

  7. Mi sfugge il primo asterisco…

  8. il primo asterisco è latente anche lui.

  9. sembra che il tuo blog abbia seri problemi di struttura, colonna sinistra in alto, header content e colonna a destra in fondo.

  10. con explorer (che lo so che fa schifo eccetera eccetera) il post è tutto in grassetto. con firefox viene visualizzato correttamente, resta in grassetto solo la nota **.

  11. Vabbè, tanto lo so che hai gli occhioni lucidi e sei lì lì per dargli il massimo, eh, se lo so…

  12. @murdamoviez: a me si vede tutto bene. agli altri?

    @clos: viva firefox, dunque. :-)

    @private: ne dubito, ma siamo lì.

  13. grazie alla mia meravigliosa conoscenza dell’html, ora con Explorer il post non è più tutto in grassetto.

    riguardo ai problemi di struttura sollevati da Johnnie Murda, sia con Firefox che con Explorer le tre colonne sono a posto. se qualcuno vede qualcosa che non va me lo dica.

  14. resta solo il problema tutto di explorer del bottone tra technorati e blogitalia (uvstv.org) che non viene visualizzato.

  15. ah sì. firefox lo ignora del tutto. facciamo sticazzi?

  16. avevi detto di segnalare e allora ho segnalato. ma il blog resta bellissimo comunque. saluta andrea, l’unico lì a milano che ho conosciuto. divertivi e recensite.

  17. hai fatto benissimo claudio! e grazie ancora!

    (se aspetti che andrea e stranestorie postino stai fresco… ^^)

  18. Lei,Lexi Alexander, è una ex campionessa di kickboxing, neanche troppo brutta (l’ho vista in una foto non mi ricordo dove).

    Sul film ho il tuo stesso giudizio, davvero niente male, date anche le premesse. E poi viene finalemnte detto ad un americano di smetterla di chiamare il calcio “soccer”. Mi rodeva tanto anche a me, se continuava così fino alla fine del film andavo a cercare lo sceneggiatore per strangolarlo.

    Cmq pessima scelta distributiva della Medusa, e ancor più pessima distribuzione. Non ci credevano manco loro…

  19. utente anonimo on 30 giugno 2006 at 16:39 said:

    fa piacere leggere ancora commenti sessisti, non li sentivo da quando uscirono i film di Jodie Foster e Barbra Streisand. Alla regia una donna! Ma che bravo Andrea. Dai diccene ancora una, tipo: donna, in cucina! – Charlie Hunnam è dimolto figo (in Queer as folk è da paura), ma non sottovaluterei Elijah che ha doti nascoste… eheh. Francesco

  20. credo che Andrea intendesse dire che dietro Hooligans non sembra esserci la mano e lo sguardo di una donna, non che fosse stupito che una donna faccia la regista. eh, suvvia, non polemizziamo sull’aria fritta. :-)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

You can add images to your comment by clicking here.

Post Navigation