Hiena
di Grzegorz Lewandowski
Settimana della critica

Un horror polacco alla Settimana della Critica? Eh, sì. Purtroppo, sì. Il film di Lewandowski inizia pure bene, alternando il fascino infantile dello storytelling alla grigia e deprimente realtà da cui si vuole fuggire (mai sentita questa?), ma esaurisce il suo potenziale dopo una decina o una quindicina di minuti al massimo. Da lì in poi, gli tocca ripetersi fino alla nausea. La storia e il tono si rifanno alle favole tradizionali e all’horror occidentale, ma invece di riproporne la linearità si confonde tutto con una trama ellittica: tra immaginazione, paranoie, e provocazioni narrative fini a se stesse, non si capisce un’acca. A meno di concentrarsi bene, ma via, chi ce lo fa fare?

Però: ex-aequo con la geniale scena della ciotola di Kurosawa, la scena del caffé vince il premio come "miglior trasalimento horrorifico collettivo" di Venezia 63.

One Thought on “

  1. utente anonimo on 7 settembre 2006 at 20:39 said:

    dove diavolo è INLAND EMPIRE???

    trino

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

You can add images to your comment by clicking here.

Post Navigation