Diary of the dead
di George A. Romero, 2007

E cinque. A quarant’anni dal primo, epocale, La notte dei morti viventi, George Romero aggiunge un altro capitolo a quella che è divenuta quindi "la pentalogia degli zombi". "Saltati" gli anni ’90, sostituiti in qualche modo dal poderoso e retroattivo Land, Romero cerca di produrre lo zombie flick definitivo per gli anni zero. E se il suo cinema è sempre stato profondamente (e politicamente) radicato nel presente, Diary non fa eccezione: si tratta infatti di un film sul declino – per ridondanza e conseguente autoconsunzione – dell’informazione mainstream, che aggiorna la riflessione sui media già presente, in nuce, in Dawn.

Ma laddove tutti i film precedenti della "saga" sintetizzavano la riflessione politica – crudelmente satirica – con una capacità di ottenere il massimo dall’effetto orrorifico (rendendo Dawn, per esempio, ancora difficilmente digeribile a distanza di trent’anni, ed è ancora la vetta del cinema horror di tutti i tempi), costruendo intorno ai personaggi esponenziali apocalissi di angoscia, in Diary si fa una fatica tremenda, a volte preccupante, a separare le due cose. Si intenda subito: il problema non è che di film con premesse simili a Diary (che lo apparenta, suo malgrado, con Cloverfield e soprattutto con il romerianissimo [Rec]) ne esce ormai uno a settimana, anche perché le intenzioni di Romero sono molto più chiare e delimitate – come il suo budget – e la maestria del regista non è certo svanita nel nulla da un giorno all’altro.

Il problema semmai è appunto lo scollamento impressionante tra questa rilettura d’autore del teen horror, che grazie a decisi e rigorosi aggiustamenti è qui assolutamente funzionale, e quest’applicazione di tesi forti romeriane al genere stesso – e a quel sottogenere coltivato negli ultimi anni dalle radici (più forti di quanto potessimo immaginare) di The Blair with project. E questo scollamento si palesa nel più banale dei modi: non solo con la "scopertura" dei procedimenti metanarrativi (la trovata scricchiolante della "mummia", per dirne una), ma soprattutto attraverso un’alternanza zoppicante tra il riuscito racconto di una fuga per la sopravvivenza, più consapevole che in passato ma altrettanto disperata, e la sentita necessità di "mettere le cose in chiaro", con molti, troppi segmenti in cui la voce fuori campo di Michelle Morgan ("chiamata" a finire il lavoro iniziato dal suo testardo ma lungimirante fidanzato) spiega per filo e per segno ciò di cui il film – anzi, i film: Death of death e Diary of the dead – tratta.

La soluzione non è solo fastidiosetta e declinata con scelte estetiche discutibilissime, ma ha la conseguenza – con l’inclusione di segmenti televisivi, come visto in infiniti altri horror negli ultimi anni – di riportarci ogni volta all’istanza della comunicazione, rispettando sì alla lettera il credo postmoderno (con una mistura di statuti di realtà che non crea vera confusione, ma che rimane, comunque e sempre, nel territorio della fiction), ma al tempo stesso azzerando la tensione creatasi. Ogni volta si ricomincia da capo, insomma: e in questo modo, spaventare lo spettatore diventa una vera sfida – a volte una sfida vinta: ma davvero, fin da principio, una sfida non necessaria.

In ogni caso, va da sé, come si dice sempre in questi casi, siamo diversi gradini sopra la maggior parte del "cinema horror da scaffale basso" con cui i piccoli studi si tengono in piedi, spesso con budget simili a quello di questo minuscolo, indipendentissimo – e liberissimo – film. Ma in un periodo in cui l’horror stesso se la passa davvero benino, spesso costruendo cose che fanno tesoro proprio dell’impareggiabile esempio romeriano, Diary è un’inattesa e parziale delusione. Perdonabilissima, ma anche tranquillamente accantonabile.

Applausi a scena aperta per l’incipit e per tutta l’inspiegabile sequenza – quasi cartoonesca – del pastore amish sordo.

Da leggere, i pezzi di Manohla Dargis sul NYT e di Nathan Rabin su A.V.Club.

Ah, da noi non esce: mettetevi il cuore in pace. Il DVD inglese invece esce il 30 Giugno.

11 Thoughts on “

  1. Io qui nomino Nathan Rabin e Manohla Dargis i Brad Pitt e Angelina Jolie della critica. Ma si conoscono? Li facciamo incontrare e li mettiamo insieme tipo Parent Trap?

  2. non esce? ho my god. meno male che anche io ho già avuto la fortuna di vederlo.

    comunque sono daccordo.. il film pur rimanendo un opera di romero (quindi bella) non decolla mai.. ci passa davanti come un servizio al telegiornale.. di quelli che si dimenticano.. mmm.. che è comunque una visione della cosa interessante ma dubito sia voluta :)

    mi aspettavo più sangue. mi aspettavo più zombie. mi aspettavo qualcosa di un gradino sopra..

  3. utente anonimo on 7 maggio 2008 at 19:03 said:

    Per Manohla vogliamo solo il meglio. Se Rabin poi le attaccasse a fare delle pippone esistenziali da trentenne medio, povera lei, e poveri noi.

    - Tisa Farrow –

  4. Uno dei miei hype dell’anno (sarebbe stato).

    Mi metto il cuore in pace :(

    Chimy

  5. Da fan Romeriano non posso perdermelo, ma come dici tu, sembra un po’ un teen horror per insegnare come si fanno i teen horror! Lo vedro’ di certo, ma non nutro fortissime aspettative!

  6. utente anonimo on 14 maggio 2008 at 01:52 said:

    Dai, sul serio sul serio non esce? Dimmi che c’è speranza ti scongiuro!

    F.

  7. Visto, apprezzato e commentato, interessante, ma resto per Land tra gli ultimi sforzi del nostro.

    http://cinenarnali.blogspot.com/2008/05/diary-of-dead-2007-di-george-romero.html

    Comunque vale la visione anche solo per i riferimenti agli altri capitoli, e al cinema b/n (la mummia poi ripresa nel finale e’ sia postmodernismo spinto che memoria lacrimosa).

  8. utente anonimo on 17 maggio 2008 at 02:11 said:

    In linea di massima apprezzato.

    L amish sordo merita indubbiamente un oscar :)

    ciao

  9. tra l’altro l’amish comunica coi cartelli, e mi pare una citazione “al contrario” del remake di Snider.

    (comunque l’unico inserto originale di tutto il pastrocchio)

  10. utente anonimo on 2 giugno 2008 at 21:54 said:

    Uscirà, uscirà. Parola di insider. Non si sa quando, però.

  11. Son buone notizie, caro insider. Un mese fa, quando ho scritto il post, me lo davano per spacciato. Bene.

    Ora, caro insider, se vuoi palesarti via email mi fai solo piacere. ^^

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

You can add images to your comment by clicking here.

Post Navigation