Les Parapluies de Cherbourg, Jacques Demy 1964

Les Parapluies de Cherbourg
di Jacques Demy, 1964

Sotto la pioggia di Cherbourg, tra i décor pastello e i cappotti multicolori, si svolge l’amore impossibile tra Geneviève (una stupenda Catherine Deneuve appena ventenne con la voce di Danielle Licari) e Guy, intepretato da Nino Castelnuovo: lei è l’inseparabile figlia di un’ombrellaia in crisi economica, lui lavora in un’officina meccanica. Separati dalla partenza improvvisa di Guy per il servizio militare, ritroveranno nell’assenza una via per affrontare la vita – anche se il ritorno rivelerà con chiarezza la natura parziale della loro felicità. E che la vita è più spesso fatta di compromessi che di follie romantiche, ché "d’amore si muore solo nei film".

Una delle cose più interessanti di Les Parapluies de Cherbourg, uno dei melodrammi musicali più stupefacenti e struggenti mai realizzati, tra le vette del cinema francese di metà novecento, mi sembra stia soprattutto in una concezione coercitiva della regia che lo distanzia – apparentemente – da molti colleghi e coevi della Nouvelle Vague. Demy acuisce fino all’estremo, come riusciranno a fare pochissimi in seguito, l’utilizzo del musical (più in particolare, di una traccia musicale che si sostituisce del tutto al parlato) come forma di controllo totale, già insito nel genere stesso. Controllo sulla sceneggiatura, sugli attori, persino sui movimenti di macchina. Non poteva insomma essere differente, nemmeno di un soffio invisibile, Les Parapluies de Cherbourg: ed è anche su questa inesplicabile ma palese inevitabilità, così come quella del destino beffardo che racconta, che si costruisce la sua grandezza.

In ogni caso, a distanza di quasi mezzo secolo, un film che è ancora capace di ammaliare e commuovere – grazie, ovviamente, anche all’assoluto incanto delle canzoni di Michel Legrand. Un film di indescrivibile bellezza, che nel suo abbassarsi a scrutare nella feroce, indistricabile tristezza di cui la vita è fatta, ne diventa un simulacro più grande e splendente, tanto malinconico quanto immortale.

Il film è disponibile in DVD italiano, anche sulla rete. Peccato non sia proprio a buon prezzo. Se non vi interessano i sottotitoli italiani, volete spendere meno, e avere un’edizione davvero ben confezionata, su Play.com c’è l’edizione speciale inglese.

Grazie infinite all’eccellente UnoDiPassaggio per avermi messo la pulce nell’orecchio. E oggi è pure il suo compleanno: andate a fargli gli auguri.

6 Thoughts on “Les Parapluies de Cherbourg, Jacques Demy 1964

  1. utente anonimo on 4 giugno 2008 at 13:35 said:

    concordo pienamente…

    SYD

  2. Un post su Jacques Demy (e scritto in questo modo) onora come si deve questa giornata. Grazie a te, mio caro.

    P.S. (nella mia soap preferita ho visto che “Les chansons d’amour” ha lasciato il segno, spero di essere stato responsabile anche di quella pulce)

  3. Ha lasciato il segno sì, nella “tua soap preferita” ma anche nel mio iPod, e non solo.

    E sì, mi sa che mi tocca ringraziare te anche per quello.

  4. io che sarei morta per lui

    perchè non sono morta?

    la scena in cui la denueuve pronuncia (anzi canta, visto che il film – les parapluies de cherbourg – è completamente cantato) quelle parole è forse l’unica veramente, genuinamente triste di questo melodrammone cinico e crudele. si trova più o meno a metà. tutto il resto segue il piano di demy atto a dimostrare le sue teorie distruttive sull’amore, con troppi – volutamente troppi – je t’aime nella prima parte e un freddo che entra nelle ossa in tutto il segmento finale. ma lì c’è la frattura. in quel momento, quando capisce di aver dimenticato così presto il suo “grande amore lontano”. e non è triste per lui. ma perchè è sopravvissuta. la prima volta che si capisce che no, non dura davvero per sempre.

    sarà per quel momento di tenerezza verso il personaggio che mi sono appuntato la frase su un foglietto, quando abbiamo passato il film ad ottobre dell’anno scorso. non ricordavo di averlo fatto. chissà che cazzo avevo in testa quella sera.

  5. (ovvero: come ti riciclo un post del 2004 per commentare. che poi rileggendo sembra che non mi sia piaciuto molto, mentre è vero l’esatto contrario)

  6. buffo. ti leggo oramai da tempo e ho sempre concordato su tutto. Con l’eccezione macroscopica di My Blueberry Nights. Grazie comunque. Io il dvd l’ho preso in prestito alla biblioteca di Tapiola ( la Frascati finlandese, fai conto…) e ne ho goduto da matti…Grazie ai francesi per i loro film. Almeno per quelli…

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

You can add images to your comment by clicking here.

Post Navigation