Ip man 2, Wilson Yip 2010

Ip Man 2 (Yip Man 2)
di Wilson Yip, 2010

Forse non dipende dalle capacità di Wilson Yip, il fatto che il pur validissimo Ip Man 2 non sia all’altezza del bellissimo film che l’ha preceduto. L’impressione è che l’inferiorità sia data dal contesto. Il sequel nasce infatti, a quanto pare, anche dalla voglia di raccontare ciò che accadde dopo la fuga del maestro Ip Man a Hong Kong – vale a dire: l’incontro con un giovane Bruce Lee, grazie a cui l’arte e la leggenda del Wing Chun si diffuse in tutto il mondo. Ma i diritti degli eredi si sono messi tra il dire e il fare, e così a Yip e al produttore Raymond Wong è rimasto da raccontare quel lasso di tempo che va dagli accadimenti del primo film all’incontro stesso. Qui sta il relativo problema: ciò che succede in questo periodo è assai meno intenso di quello che abbiamo visto in Ip Man. Da una parte c’è la guerra, i giapponesi cattivi, un’autentica lotta per la sopravvivenza; da questa parte il baricentro si sposta sulla questione coloniale, l’orgoglio culturale delle arti marziali cinesi, i britannici che incarnano i nuovi villain.

In ogni caso, non fatevi ingannare dal precedente paragrafo: nonostante un certo calo d’interesse, Ip Man 2 è davvero uno spettacolo di tutto rispetto. Vedere Donnie Yen in azione è sempre e comunque una pacchia senza uguali (al giorno d’oggi) e l’incontro-scontro tra il nostro e un Sammo Hung stupendamente invecchiato (che cura anche in questo caso le bellissime coreografie, concedendosi ben più di un cameo)  su un tavolino pericolante è imperdibile. La teatralità delle scenografie e la precisione della fotografia, insieme alle musiche trascinanti di Kenji Kawai, chiudono il cerchio.

Per quanto riguarda l’anelato incontro con Bruce Lee, la risposta arriva sui titoli di coda. Mi piace pensare che un giorno o l’altro ce la faremo, a portarla a casa.

Come per il film precedente, non è prevista un’uscita italiana. Cosa me lo chiedete a fare.

Nel 2010 è uscito anche un prequel diretto da Herman Yau.

8 Thoughts on “Ip man 2, Wilson Yip 2010

  1. Lenny Nero on 25 settembre 2010 at 17:17 said:

    Mamma mia la sequenza del combattimento sul tavolo… Quando è il turno di Sammo Hung, pelle d’oca! Ma anche l’incontro con l’odiosisimo boxeur è una gaseria unica! Donnie Yen ormai è il nuovo Jet li.

  2. uh, questo lo avevo saltato al Far East non avendo visto il primo film… dici che e’ da recuperare? ^^

  3. Ma al minuto 1:09… è quello Brus Lii? Perché, dico, je somiglia davero davero!

  4. dimey on 2 ottobre 2010 at 16:49 said:

    penso questo ti possa interessare ;) .. http://alturl.com/y5p82

Rispondi a kekkoz Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

You can add images to your comment by clicking here.

Post Navigation