Nightmare, Samuel Bayer 2010

Nightmare (A Nightmare on Elm Street)
di Samuel Bayer, 2010

Realizzato nel lontano 1984, Nightmare – Dal profondo della notte è stato uno degli horror più epocali di quel decennio. Ma è inutile che ve lo racconti: grazie al cielo è anche uno dei più celebri e dei più amati, non soltanto perché era spaventoso e non solo perché creava un personaggio destinato a entrare nella leggenda come Freddie Krueger, di cui non ci saremmo più liberati nel bene e nel male (né tantomeno Robert Englund), ma perché era, diciamo così, per usare un giro di parole, un film della stramadonna.

Non è certo una sorpresa che il remake non sia nemmeno lontanamente all’altezza dell’originale di Wes Craven: non era ciò che gli si richiedeva. E fare un remake di un classico non è un reato. Ciò che gli si richiedeva, dunque, era di non fare completamente schifo. Beh, missione fallita: Samuel Bayer, che ha alle spalle una lunghissima carriera di regista di videoclip e spot alla quale mi auguro ritornerà il prima possibile, non si sa come ma riesce nel miracolo di replicare il modello narrativo del film originale trasformandolo in una sequela noiosissima e ripetitiva di ammazzamenti, senza nemmeno sfruttare a dovere la presenza scenica di Jackie Earle Haley – relegato a fare il vocione minaccioso senza la possibilità di muovere un muscolo della faccia. E non è una questione di “i tempi sono cambiati e non ci spaventa più niente”: se riguardo adesso il primo Nightmare lo trovo ancora inquietante, questo fa sbadigliare.

L’unico errore che saggiamente Bayer evita è quello del Freddie compagnone con il carnet di battutacce degli ultimi capitoli della saga, e qui il nostro si limita a una collezione limitata di innocue catchphrase – ma incappa in quasi tutti gli altri, compresa una maggiore enfasi sulla “creazione” di Krueger in un lungo flashback durante la quale ci si ritrova a pensare alle margheritine e un cast di tremende facce da schiaffi in cui si salva, parzialmente, solo Rooney Mara.

Ecco, Rooney Mara è una tipa a posto, poi però uno pensa a Heather Langenkamp e gli viene voglia di spaccare tutto.

6 Thoughts on “Nightmare, Samuel Bayer 2010

  1. vespertime\ on 5 ottobre 2010 at 00:22 said:

    “Non è certo una sorpresa che il remake non sia nemmeno lontanamente all’altezza dell’originale di Wes Craven: non era ciò che gli si richiedeva”.

    non sono molto daccordo. che senso ha rifare un cult movie di diversi anni fà (portati assai bene) senza puntare a qualcosa di più di quello visto con questo remake? non era così difficile. il personaggio di Freddy aveva carisma da vendere (il nuovo make-up poteva pure starci) e la storia dava molti spunti interessanti da sfruttare a dovere. e invece il film non riesce ne a sfruttare il potenziale ne ha ripete quello visto nell’ 84. possibile che alcune scene horror siano visivamente migliori nella versione originale che in questo remake 2010? attori poco credibili, non profondi, non carismatici, errori di sceneggiatura piuttosto evidenti, effetti speciali scadenti .il sangue in CGI? fatto male per giunta? per fare un film del genere potevano non farlo proprio. ma anche se fosse venuto un pochino meglio non lo avrei accettato. e non per fedeltà all’originale ma semplicemente perchè è inutile sotto tutti i punti di vista.

  2. film oRibile (e quello era prevedibile) ma la roba stupefacente è che nonostante 30 anni di progressi negli effetti speciali, trucco e parrucco siano pure riusciti a fare la maschera di Freddy molto meno credibile (e spaventosa) dell’originale anni 80

  3. Scusa Kekkoz, ma l’archivio con i vecchi post, che fine ha fatto? Scusa l’OT

    • I vecchi post sono tutti qui dentro.
      Se intendi l’archivio con i singoli titoli linkati ai singoli post, ehm, non c’era più da anni nemmeno su splinder.

      • No, intendevo il menu-archivio con i post divisi per mese ed anno che di solito stava sulla destra…insomma, come faccio a recuperare, per esempio, i post che hai scritto nel dicembre 2008?

      • Ah sì scusa, è una feature su cui sono inciampato quando ho aperto qui, rimedierò al più presto appena ho 10 minuti.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

You can add images to your comment by clicking here.

Post Navigation