Rare Exports, Jalmari Helander 2010

Rare Exports: A Christmas Tale
di Jalmari Helander, 2010

Quando cominciai a sentir parlare di Rare Exports, diversi mesi fa, rimasi subito colpito dalla premessa: un horror finlandese il cui “cattivo” è Babbo Natale? Non c’è bisogno di dire altro. In realtà la premessa era volutamente sbagliata, e non solo per celare la svolta narrativa che caratterizza l’ultima parte del film, quando si scopre la verità sul misterioso vecchio ignudo che si vede anche nei trailer: il film ha infatti tutt’altra indole, non si tratta di un horror vero e proprio ma di un fantasy molto inventivo e divertentissimo, che richiama negli intenti e nei toni più il favoloso cinema per ragazzi americano degli anni ’80 che il cinema dell’orrore di oggi, con un epos fanciullesco di rivincita dell’immaginazione sul gretto mondo degli adulti che appartiene più ai territori malinconici di Joe Dante e dei Goonies che non a quelli dello splatter più consapevole e prevedibile. Niente da prendere particolarmente sul serio, in ogni caso: Helander, che ha tratto il film da un paio di (suoi stessi) cortometraggi circolati sul web qualche anno fa, mette ben in chiaro anche tramite la beffa finale che si tratta di un divertissement – ma è uno di quelli su cui mettiamo volentieri la firma.

2 Thoughts on “Rare Exports, Jalmari Helander 2010

  1. Michele on 26 gennaio 2011 at 21:29 said:

    Concordo, è decisamente carino. Peccato per l’antipatico
    bambino grassoccio, ma si sopravvive.

  2. …si trova da qualche parte?

Rispondi a sapu Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

You can add images to your comment by clicking here.

Post Navigation