Holy Motors, Leos Carax 2012

Holy Motors
di Leos Carax, 2012

Un mito da sfatare, quando si parla di Holy Motors, è che si tratti di un film in cui non è dato penetrare, un film dalle porte serrate. La cui bellezza, sfacciata e spesso spropositata, risieda semplicemente nell’accostamento bizzarro e straniante dei suoi elementi. Che non ci sia nulla da svelare, dietro le mille maschere e le mille storie interpretate da Oscar in una Parigi suggestiva, fuori dal tempo, terribile e spettrale. Peggio ancora, d’altra parte: che questo compiuto svelamento sia davvero necessario. Come ogni operazione puramente surrealista, lo straordinario film di Leos Carax – che richiama all’appello il favoloso Denis Lavant, rimettendogli pure per qualche minuto il mostruoso make up di Tokyo! - fa scivolare l’interpretazione oggettiva tra le mani dello spettatore, introducendo raccordi impossibili, paradossi, scherzi e tragedie, con una perfidia che è pari solo alla ricchezza di idee, di spunti e di dettagli, e alla capacità di trasformarli in grandi momenti di cinema. Come l’apparizione musical di Kylie Minogue, che canta una canzone scritta dallo stesso Carax, o come l’incredibile, ipnotica sequenza di sesso tra Lavant e la contorsionista Zlata in uno studio di motion capture – forse la più palese tra le dichiarazione d’intenti del film – o come quella, commovente, con Elise Lhomeau al capezzale di un Oscar novantenne: impossibile, quanto inutile, citarle tutte. Ma che ci si voglia fermare all’impatto francamente innegabile e a tratti allucinatorio del film in sé, dalle sue immagini all’epocale performance di Lavant (vale la pena di citarlo il più possibile) o che si preferisca usarlo come base di una metafora autoriflessiva, è impossibile rimanere indifferenti di fronte a questo viaggio entusiasmante e disturbante, eccitante e sinceramente folle, mostruosamente ambizioso eppure stranamente leggiadro, ma sicuramente irresistibile, all’interno del film e dei suoi generi, che sembra tramutarsi gradualmente in una sorta di rimandato, malinconico e sempre più beffardo rito funebre. Come fossero le esequie definitive del cinema, l’ultimo canto di un’arte che muore.

4 Thoughts on “Holy Motors, Leos Carax 2012

  1. che muore e rinasce, muore e rinasce

  2. io comunque ho avuto la sensazione che il film sia anche un atto d’amore verso la compagna morta, Yekaterina Golubeva di Pola X

  3. un film profondamente vivo, spiazzante, pieno di roba e anche di contenuti, oltre a essere esteticamente qualcosa di fenomenale.
    una pellicola davvero holy!

  4. se questo é il miglior film del 2012, la posizione successiva da assegnare dev’essere quantomeno la sesta, altrimenti resterebbe troppo poco distacco con la concorrenza.
    capolavoro

Rispondi a marcogoi82 Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

You can add images to your comment by clicking here.

Post Navigation