L’uomo d’acciaio (Man of Steel), Zack Snyder 2013

L’uomo d’acciaio (Man of Steel)
di Zack Snyder, 2013

Sono passati sette anni da quando Bryan Singer prese in mano le sorti di Superman al cinema realizzando un film divertente e sottovalutato, che riuscì comunque nell’impresa di scontentare un po’ tutti, sfracellandosi al botteghino. Sette anni che sembrano settanta: perché nel frattempo il mondo dei supereroi al cinema è cambiato radicalmente. Ci hanno pensato Christopher Nolan, da una parte, con il suo Batman cupo, da gangster movie (le prove generali di Begins erano uscite giusto l’anno prima) e Kevin Feige, dall’altra, con il suo assurdo, titanico progetto, quello di connettere tutti gli eroi della Marvel (o meglio, quelli nelle mani della Disney) e farli puntare tutti su un super crossover finale – diventato poi il maggior incasso di tutti i tempi. Per dare conto del passare del tempo: Iron Man ha soltanto cinque anni.

Intanto, scottato dal flop, l’eroe di Krypton e il suo alter ego hanno continuato con successo a occupare il piccolo schermo (Smallville è durato dieci anni fino al 2011) ma al cinema sono rimasti in un limbo; sempre con la certezza sotterranea, però, che prima o poi la DC avrebbe dovuto prendere una posizione, affrontare la scaramanzia, e tornare in sala. Per riesumarlo, l’hanno affidato alle oscure cure produttive dello stesso Nolan (che a più riprese aveva giurato che nell’universo del “suo” Batman non c’era spazio per alieni umanoidi) e soprattutto a Zack Snyder, che pur con la carriera altalenante aveva dimostrato, quantomeno, di essere in grado di portare sullo schermo in modo eccellente – pur senza riscontro di pubblico – un fumetto impossibile come Watchmen. Le premesse, in una prospettiva storica, erano queste: primo, togliere al personaggio di Superman quell’alone rétro-pop che aveva causato il collasso del film con Brandon Routh, riportarlo in una zona-Nolan (banalizzando) più dark e intimista; secondo, preparare il campo per una tardiva operazione di rilancio del marchio, sulla falsariga del fenomeno Avengers.

È questo, forse, il motivo per cui Man of steel non poteva che essere una origin story di Superman - oltre, ovviamente, alla scaramanzia di cui sopra, visti i risultati di un Returns che ne dava, più coraggiosamente, per scontata l’esistenza: perché questo reboot non può più riguardare soltanto l’area di Metropolis, ma deve gettare le basi per un progetto più ampio – che, infatti, tra due anni comincerà a compiersi con l’incontro tra l’uomo acciaio e l’uomo pipistrello, a quasi tre decenni dall’epocale graphic novel di Frank Miller. Purtroppo, è anche la scelta di raccontare l’arcinota genesi dell’eroe a minare la compiutezza dell’operazione: pur essendo estremamente lungo (più di 140 minuti), il film di Snyder concentra una quantità spropositata di energie a un interminabile duello finale, che coinvolge l’eroe e il Generale Zod, in cui si scatena una violenza catastrofica che vorrebbe essere una risposta alla distruzione di New York di The Avengers, se non fosse che qui, con due personaggi che si danno una montagna di cazzotti tra un mucchio di edicifi in rovina, lo scontro risulta soltanto frastornante e fastidioso.

A Snyder e allo sceneggiatore David S. Goyer (arriva dritto dalla trilogia di Nolan, che insieme a lui firma il soggetto) resta tutta la parte centrale del film per riassumere la storia di Kal-El sulla Terra, il rapporto con il padre (raffazzonato e semplicistico, spesso tirato via con dialoghi di due minuti infarciti di banalità), la fuga da casa, la Fortezza della Solitudine, il costume, la scelta di diventare Superman, e via dicendo – una marea di informazioni, strizzate dalla sintesi, che poi, durante il caos finale, abbiamo tutto il tempo di considerare pretestuose, mentre ci annoiamo a morte tra uno sbatacchiamento e l’altro. In tal senso, procedendo a ritroso, pur se terribilmente sbrigativo (difficile comprendere perché una civiltà destinata alla distruzione totale nel giro di poche ore dovrebbe condannare un pericoloso criminale dandogli pure una palese speranza, fuor di metafora e senza scomodarne la comodità narrativa), è il primo atto la parte più interessante del film – perché è quella in cui Snyder rivela l’interesse per la fantascienza (più che per il fantastico) e perché Krypton è di una bellezza che, nelle prime battute, riesce a lasciare stupefatti.

L’unica ottima intuizione, oltre a una complicata struttura a flashback che riesce perlomeno a rendere più funzionale sequenze abusate come quella dello scuolabus, è quella di dare un maggior peso drammatico (e pizzico di modernità, senza strafare) al personaggio di Lois Lane, affidandola a una delle migliori attrici in circolazione, Amy Adams, che purtroppo rimane spesso ai margini della storia pur avendo il tempo di dare un po’ di lustro al film confusionario in cui si è trovata. Per il resto, Snyder è riuscito a rovinare la festa disattendendo tutte le miracolose premesse, per colpa di una sceneggiatura frettolosa e approssimativa ma anche di una messa in scena fracassona e puerile, senza nemmeno la muscolarità esagitata dei suoi film precedenti. Nonostante tutto, il film è stato un notevole successo di pubblico (650 milioni di dollari già incassati nel mondo) riuscendo già a dare il via al venturo Batman vs Superman, con Ben Affleck nel ruolo del primo. E procedendo, probabilmente, a costruire le radici di un’identità (stilistica e narrativa) a lungo termine, quella di una saga che è ancora tutta da pensare e produrre. Per chi scrive non è la migliore delle notizie, ma la storia, si sa, la fanno i vincitori.

5 Thoughts on “L’uomo d’acciaio (Man of Steel), Zack Snyder 2013

  1. Luca on 26 agosto 2013 at 15:51 said:

    Una recensione davvero completa, senza dubbio, ma ti avrei voluto più cattivo…. Questa grossa merda è realmente la delusione dell’anno, soprattutto nei confronti di chi adora Superman, la sua simbologia e la sua mitologia, e di chi, già dai trailer, uno più spettacolare dell’altro, si aspettava meraviglie.

  2. Man of Steel = FAIL

  3. Albert on 27 agosto 2013 at 17:04 said:

    Ciao,
    a me sinceramente non è dispiaciuto.

    L’ho trovato speculare a Batman Begins, di cui ripropone approccio e struttura narrativa:
    una prima parte dedicata alle origini, con costellazione di flashback. la parte più interessante, immagini che nei trailer avevano fatto sperare in un’operazione che reinterpretasse Superman alla luce del cinema poetico/filosofico di Malick, con tanto di Zimmer alla bella colonna sonora (Un aspetto comunque presente ma non quanto mi aspettava); e poi una seconda parte fracassona, troppa lunga, ma, per me, girata da chi sa fare Cinema.

    Di Batman Begins ha soprattutto lo stesso sguardo realista, attentissimo nell’evitare quanto era stato fatto prima nel film di Donner che era una perfetta antologia iconografica dell’eroe

    Forse è stata proprio questa riscrittura grafica del personaggio, che lo ha de-mitizzato e de-iconicizzato, e questa nuova concezione del Sense of Wonder, ad aver urtato, piuttosto che i buchi, le forzature della sceneggiatura.

  4. delusione d’acciaio. troppa devastazione, trama sgangherata, noia a palate fra una cittadina rasa al suolo e l’altra.
    http://firstimpressions86.blogspot.it/2013/07/man-of-steel.html

  5. Alberto on 16 settembre 2013 at 20:54 said:

    Concordo con l’esaustiva recensione ma personalmente il film l’ho trovato anche peggio di come l’hai descritto. Io detesto chi chiacchiera al cinema ma, per la prima volta, anch’io ho ceduto alla noia ed ho cercato di migliorare le oltre due ore da passare seduto, ironizzando con gli amici accanto a me. Raramente mi è capitato di vedere un film così brutto e spiego il perchè: quando uno va al cinema per vedere una trasposizione di un marvel, si aspetta il fumettone e non un pallido ed insignificante tentativo di trasformarlo in un drammatico/introspettivo/visionario(?????) ecc.Forse è una visione semplicistica ma quando sono andato a vedere Schindler’s list non mi aspettavo certo di ridere o di passare due ore di puro svago!! A ciò vorrei aggiungere che, a discapito di alcune recensioni che paiono ben sponsorizzate, ho trovato regia, sceneggiatura, dialoghi e musica del tutto insignificanti ( non mi ricordo mezza nota della colonna sonora, ma forse ero proprio distratto). Il finale, poi, con la risposta al perchè gli umani dovrebbero fidarsi di lui e Superman risponde ” sono del Kansas” è qualcosa che fa rabbrividire (con gli amici abbiamo ironizzato pronunciando la frase con accento romagnolo, e la cosa è servita almeno a riderci sopra). In conclusione, una delle peggiori delusioni che, a quanto pare, avrà pure un seguito. Rabbrividisco!

Rispondi a Alberto Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

You can add images to your comment by clicking here.

Post Navigation