Vi racconto una storia, ma forse ve la racconto un’altra volta

bad guy

Mi sono dato tre mesi. E adesso sono passati tre mesi. Non ci si scappa.

(Quello che segue serve più a me che a voi. Lo so. Abbiate pazienza.)

Non è mica un piano. Non ci stavo pensando da tempo. Non ero stanco, non ero stufo. Non era previsto, insomma, ma è successo. È cominciata proprio all’inizio dell’anno, quando ho pubblicato il post che mi sono inventato per festeggiare i primi dieci anni di questo blog. L’ho guardato e mi sono detto: non sarebbe, questo, un modo fantastico per chiudere tutto? Not with a whimper but a bang?

A quel punto mi sono dato tre mesi. Avevo cose da fare. Ora ho fatto le cose.

Non ci si scappa.

(A questo punto ci dovrebbe essere un flashback, no? Io, nella mia stanza da letto a Brescia, con mia madre nella stanza accanto, che apro un blog su Splinder promettendo di scrivere qualcosa, pure tre righe, su tutti i film. Perché sì, perché non mi ricordavo niente, perché mi avevano detto “fallo”, perchè mi piaceva scrivere, perché avevo bisogno di mettere nero su bianco, perché era gratis, perché era bellissimo. Ha funzionato? Ha funzionato. Non era mica una promessa fatta a qualcuno, non lo è mai stata, se non a me stesso. Voglio dire, quella promessa l’ho mantenuta per 10 anni. Sono un botto di anni. E poi?)

In questi tre mesi, appunto, ho visto cinquanta film. Secchi.

(Me lo dice un affare che mi sono aperto, sennò non mi ricordo niente, come prima.)

Sono cinquanta film che forse avrebbero meritato un post, ma di cui forse non scriverò mai. Mi correggo: non ne scriverò mai in questo modo, come ho fatto in questi dieci anni. Meglio, dài: non ne scriverò in questo posto, e non scriverò più di tutti i film che vedo. Perché? Se volete ne parliamo davanti a una birra. Offro io.

(Qui ci dovrebbe essere un montaggio veloce in cui io cresco, studio, litigo, mi laureo, cambio casa, vado a un funerale, piango, cambio casa, rido, mi sposo, cambio lavoro, faccio un sacco di roba, e intanto scrivo duemilacinquecento post. Non sarebbe patetico?)

Ho sempre trovato piuttosto ridicoli quelli che chiudono un blog con un post in cui dicono che chiudono il blog. Forse però la mia era più rabbia, perché un blog non si dovrebbe mai chiudere, e tutti quelli che leggevo e che poi hanno chiuso in questi anni, tantissimi, sono colpevoli, mi hanno privato di cose bellissime che non leggerò mai.

Ma tant’è. Oggi Memorie di un giovane cinefilo chiude baracca e sì, mi sento piuttosto ridicolo pure io. Anche perché ero partito volendo scrivere soltanto tre parole, e le tre parole erano grazie a tutti. Ringraziarvi è una figata che non mi stanca mai.

Come dici? Grazie della domanda. No, non vado da nessuna parte. A dirla tutta non cambio nemmeno casa: diciamo che voglio dare una ripitturata. Voglio mettere tutti questi vincoli in lavatrice e ripartire con un bucato fresco e pulito. Non credo – anzi, sono sicuro di non poter smettere di essere un blogger. E infatti ho un piano B. Vedremo.

“Ci vediamo dall’altra parte.”

51 Thoughts on “Vi racconto una storia, ma forse ve la racconto un’altra volta

  1. Casanova Wong Kar-wai on 1 aprile 2014 at 17:54 said:

    Sempre letto, mai commentato.
    Amico nostro, so long and thanks for all the recensions.

  2. Bongiorno Miike on 1 aprile 2014 at 17:58 said:

    Ecco. no. BOH. sì. Cioè.

    Non so che dire.

  3. SCUSATE IO VADO IN UN ANGOLINO A PIANGERE.

  4. Pesce d’aprile (triste)?

  5. Aronne Sorca on 1 aprile 2014 at 18:05 said:

    Ecco, il migliore sito di recensioni cinematografiche.
    Quello che guardava veramente di tutto e che sapeva mettere assieme Curtis con Del Toro.
    Che senso ha il web ora.

  6. Skogkatt on 1 aprile 2014 at 18:22 said:

    NUOOOOOOOOOooooooooo….. *precipita in un dirupo*

  7. Alberto on 1 aprile 2014 at 18:22 said:

    “movie+rotten tomatoes”, “movie+imdb”, “movie+wiki”, “movie+boxofficemojo”, “movie+kekkoz” :(

    Grazie di tutto Kekkoz! E’ bello comunque sapere che ti si potrà seguire in altre forme (twitter, sorrisi. nuovo progetto web).

    W il Giovane Cinefilo!

  8. Gian Maria on 1 aprile 2014 at 18:43 said:

    Stronzo.

  9. Se è un pesce d’aprile te vengo a cercà!!!
    Grande stima, pure se così mi fai sentire vecchia.
    Come è stato scritto sopra, anche io in questi anni ho commentato pochissimo ti leggevo spessissimo!
    Sei il primo blogger che ho “conosciuto” in rete e sei rimasto un punto di riferimento.
    Daje per tutto il resto!

  10. Anch’io forse è la prima volta che commento, volevo solo dire che le tue rece a tutti i film che non vedrò mai mi mancheranno. A meno che questo Piano B… :)

  11. vespertime on 1 aprile 2014 at 18:52 said:

    Ti leggo dai primissimi giorni di vita. Quando su splinder ero “Nion” e tutti avevamo un altra vita. Non ho mai smesso di leggerti in questi 10 anni, anche se ho lasciato raramente un commenti. Vorrei dirti del mio dispiacere nello smettere di leggerti, era ormai una routine, eri nella barra dei preferiti da sempre, ma piuttosto che questo vorrei ringraziarti, per tutto quello che hai scritto in questi anni, per i pareri condivisi su film visti o ancor di più su pareri di film non visti, da me, ovviamente. Grazie per tutto quello che mi hai fatto scoprire in questi anni. E’ stato un bel viaggio.

  12. Sara on 1 aprile 2014 at 18:59 said:

    letto spesso, mai commentato. però visto bellissimi film dietro tuo consiglio :-)! adoro pure “l’affare che ti sei aperto”, io scrivevo i film visti su un foglio excel ma questo è decisamente meglio! a questo punto aspetto il piano B. Ciao

  13. Vorrei ribadire anche in questa sede che NON SONO MORTO :-)

  14. anche per me questo blog è stato un punto di riferimento, che mi ha fatto scoprire film meravigliosi ed ha meravigliosamente illuminato significati e sfumature…mancherà molto, ma un passato da blogger mi ricorda che a volte una vocina interiore sussurra ‘enough is enough’, e non ci si può fare niente, si chiude. Spero comunque nel piano B e nella fenice :-)
    Grazie,
    r

  15. Gatto Nero on 1 aprile 2014 at 19:28 said:

    Ciao. Anche io è la prima volta che commento, e volevo farlo così. Con una nota di ilarità.

  16. lorenzo on 1 aprile 2014 at 19:33 said:

    Ciao, anche per me e’ il primo commento e volevo solo dire che tristezza, ma spero davvero di poter leggerti da altre parti.

  17. Gokachu on 1 aprile 2014 at 19:47 said:

    Ma proprio il pripo aprile devi postare sta cosa? Crei dubbio e incertezza!

  18. Augusta on 1 aprile 2014 at 19:51 said:

    é la fine di un’era (banale)
    ovunque tu vada ti seguiremo (stalker)
    grazie di tutto!

  19. v_andrej on 1 aprile 2014 at 19:52 said:

    anche io è da splinder che etc., ma non mi ricordo se ho mai commentato. qui mi sento più chiave di ricerca che commento. per esempio, ieri notte dopo aver visto gone baby gone su iris, ovviamente ho digitato “gone baby gone giovanecinefilo”. e immagino che continuerò a farlo, eh.

  20. Zen on 1 aprile 2014 at 20:10 said:

    Che insomma, io ogni tanto guardavo un film o pensavo di guardarlo e mi chiedevo “chissà se Kekkoz ne ha parlato” e venivo a leggere, mai a commentare. A volte non d’accordo, a volte sì, oh be’ succede. Grazie per i 10 anni, sei sempre stato una bella cosa.

  21. È ovvio che quel “giovane” ormai ti stava stretto. :D

  22. Ciao, è stato bello conoscerti.

  23. Grazia on 1 aprile 2014 at 20:52 said:

    Nooooooo :(

  24. elvi on 1 aprile 2014 at 21:15 said:

    Ci si asciuga la lacrima e si pensa che bene così. Non si rimane “giovani” per sempre, e per fortuna.
    (Però, davvero, ma proprio il 1° aprile?)

  25. Se fosse un pesce d’aprile sarebbe da standing ocation! ;-)

  26. (Ovation ovviamente! ;)

  27. Oggi e’ la prima volta che ti leggo e gia’ te ne vai ? Certo che come Pesce d’Aprile e’ ben congegnata.. Auguri !

  28. skyliuker on 1 aprile 2014 at 21:49 said:

    Ho iniziato a leggere il blog quand’ero alle medie, grazie a mio fratello che mi ha fatto scoprire Giovane Cinefilo e Insegna Provvisoria. Quindi avere i tuoi post e quelli di ohdaesu come riferimenti nel momento in cui mi appassionavo al cinema è stato molto importante, direi quasi formativo. Un grazie enorme, imboccallupo per qualsiasi cosa deciderai di fare con il Piano B :-)

  29. Riccardo on 1 aprile 2014 at 23:17 said:

    Sono triste per la chiusura del blog ma comprendo le ragioni che ti hanno spinto a questa scelta. Se una cosa non la fai più con passione e non hai voglia di farla è meglio staccare.
    Però torna presto, e soprattutto non far morire la migliore rubrica di cinema del mondo(friday prejudice) che quella è ormai imprescindibile :)

  30. Simo on 1 aprile 2014 at 23:25 said:

    Ma grazie a te.

    No, veramente: grazie.

  31. Delia on 1 aprile 2014 at 23:50 said:

    Francesco, ho letto le tue recensioni per la prima volta, attraverso Leonardo Tondelli, un fantastiliardo di giorni fa. Mai più visto un film senza sapere cosa ne pensassi; insomma, ti si vuole bene.
    A presto!

  32. Luotto Preminger on 2 aprile 2014 at 00:01 said:

    Fai conto il pollice su di Terminator quando affonda nel metallo fuso.

  33. Non ti Sei regolato. Ma grazie

    ” perché un blog non si dovrebbe mai chiudere, e tutti quelli che leggevo e che poi hanno chiuso in questi anni, tantissimi, sono colpevoli, mi hanno privato di cose bellissime che non leggerò mai.”

  34. rosco dunn on 2 aprile 2014 at 01:01 said:

    sei “uno buono”. diciamo che un poco ti voglio bene, in modo virile ovviamente.

  35. Giulia on 2 aprile 2014 at 01:03 said:

    Un caro saluto da chi, non so se ricordi, ti ha incluso nella propria tesi triennale! ;-)
    E dato che ora sono a Madrid… Buona suerte!!

  36. Andrea Magagnato on 2 aprile 2014 at 08:50 said:

    Quindi hai accetato i soldi??
    Dai c’é poco da dire: hai tirato su una cosa ENORME in questi dieci anni. Ora fai come cazzo vuoi, ma noi piangeremo, tanto. Che poi mi chiudi pure con Fringe e io…ecco…

    Ps
    La prossima settimama faccio 30 anni. Me li hai fatti sentire tutti.

  37. Ciao Kekkoz. Mi (ci) mancherai. Ti seguo (e, a volte, ho commentato) da quasi 10 anni, e adesso, quando vedrò un film, mi mancherà il passo successivo: “Vediamo cosa ne ha scritto Kekkoz”.

    Il primo e miglior blog di cinema che ho letto. Un riferimento.

    Ciao ancora e grazie per i 2500 post (e speriamo nel Piano B).

  38. sapu on 2 aprile 2014 at 10:02 said:

    Grazie di tutto e buona vita

  39. paperolibero on 2 aprile 2014 at 10:24 said:

    Arrivederci allora nel nuovo posto…ti cercherò !!! Paperolibero

  40. Mi ricordo la prima volta che ho visto quell’immagine, e quella volta che mi hai sentita parlare di Kim Ki Duk sul mio blog, e quando ci siamo incontrati davanti al conservatorio in Corso Magenta e indossavamo le stesse scarpe e siamo andati a vedere Little Miss Sunshine al sociale (eccetera, dai)

  41. zioluc on 2 aprile 2014 at 12:21 said:

    ok, ma i pregiudizi?

  42. grattaculo on 2 aprile 2014 at 15:04 said:

    Il mio blog di cinema preferito. La cosa migliore rimasta sull’ internet con cui sostituirlo? Chi mi consiglia qualcosa di non MEH ?

  43. Se non son 10 anni, almeno 8 che ti leggo e non ho mai commentato, quindi non vedo perché iniziare ora.

    Grazie. Davvero. Sei stato una delle scintille della mia voglia di cercare film che non arrivano in Italia, e più di una volta mi son ritrovato a godere nello scoprire un film prima di te, ma ti capisco.

    Ps. I pregiudizi rimangono vero?

  44. Sara on 2 aprile 2014 at 19:48 said:

    Ciao, mi dispiace che smetta il giovanecinefilo ma sono felice che tu abbia il piano B.
    Credo che non ci si possa fermare mai, e anzi, faccia bene riverniciare, cambiare il guardaroba come hai detto tu, per indossare sempre qualcosa che rispecchi il nostro modo di essere nel momento in cui viviamo, e mentre noi stessi cambiamo vivendo.

    Personalmente ho sempre apprezzato la tua penna competente, fresca, ma mai spocchiosa come spocchiosi sanno essere certi cinefili.
    Sei un esperto, un addetto ai lavori, ma molto di più sei un appassionato, un innamorato del cinema senza riserve. Questo traspare quando ti si legge, e questo fa sì che ti ci si affezioni.
    Continua così qualsiasi piano B tu voglia attuare, con immutata passione, umiltà, ironia.
    E sapienza.
    Ciao!
    Sara

  45. Capisco la tua pausa, capisco il cambiamento, capisco tutto.
    Continuerò a starti alle calcagna, intanto guardati tutti i film di Hitoshi Matsumoto, ti esalteranno vedrai

  46. kappa on 3 aprile 2014 at 09:42 said:

    Tristezza mode ON.

    Ti prego, come in ogni film devi nominare il tuo successore, la legacy di GC devo proseguire… da anni per me eri, come detto più sopra, quasi l’unica chiave di ricerca nella scelta del prossimo film da vedere.

    Resto in attesa di suggerimenti :-) e nel frattempo mi sono iscritto al tuo feed in quell’affare.

  47. Il giovane diventa grande. Ci sta. In bocca al lupo per la nuova esperienza :)

  48. Tirava un po’ ‘sta aria, ma fra sentire la puzza e leggere la conferma ce ne passa. Uffa.

  49. fag on 7 aprile 2014 at 16:17 said:

    Kekkoz est mort, vive kekkoz!

  50. Figo, un posto nuovo dove leggere Kekkoz!

Rispondi a Francesco Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

You can add images to your comment by clicking here.

Post Navigation