Una commedia sexy in una notte di mezza estate (A Midsummer Night’s Sex Comedy)
di Woody Allen, 1982

Allen, nel mezzo di alcuni tra i suoi capolavori, si prende una pausa divertita (forse solo in apparenza, vista la cura formale) e racconta una storia di amore e sessualità, riportando all’inizio del secolo le sue nevrosi metropolitane (dando alla campagna e a Mendelssohn il compito di scioglierle) e ragionando sul contrasto tra razionalismo e irrazionalismo, ovviamente con il sorriso sulla bocca.

Non propriamente il mio Allen preferito, ma abbastanza in forma e sempre divertente. E capace di momenti di magia che da lui non ci si aspetterebbe (la palla magica, deus ex machina che ricorda la sessopalla del Dormiglione).

E poi c’è Mary Steenburgen, ancora nel fiore nella sua inspiegabile bellezza.

2 Thoughts on “

  1. utente anonimo on 5 febbraio 2005 at 20:21 said:

    Finalmente un post non “prima visione” che condivido e anche se non lo avessi condiviso non era rilevante. Conosco il regista e il film.

    Questo mi basta, e intanto continuo a farti pubblicità in giro, se sei quello che sei lo devi anche a me.

    E chi la paga questa?

    Come al solito la firma nn serve.

  2. se sono quello che sono? e che sono?

    GRAZIE LILLONE! ti voglio bene!!!

Rispondi a kekkoz Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

You can add images to your comment by clicking here.

Post Navigation