L’amore sospetto
(La moustache)

di Emmanuel Carrère, 2005

La moustache, tratto da un romanzo dello stesso Carrère, parte da un’idea davvero bizzarra ma terribilmente stimolante: Marc (un Vincent Lindon sospettoso – non mi viene altro termine, la sua sola espressione è quella, ma gli riesce bene) decide di tagliarsi i baffi per un vezzo, ma tutta la gente intorno a lui non nota la differenza, anzi, nega che lui li abbia mai avuti. Soprattutto la sua fidanzata, di cui comincia a dubitare, perché pur di non accettare la propria follia chiunque sospetterebbe prima di tutto degli altri. E i baffi sono solo l’inizio.

Pur trattando e rappresentando temi interessanti come – ovviamente – la perdita dell’identità e la ricerca esasperata dell’annullamento della stessa – i viaggi senza meta nei nonluoghi, qui i battelli aeroportuali di Hong Kong -, l’interesse maggiore del film è al livello delle strutture superficiali del racconto, che si sviluppa come una variazione quasi metanarrativa tutta giocata sul ribaltamento e la forzatura della forma retorica del punto di vista.

Condividendo infatti in tutto e per tutto quello di Marc, anche nelle possibili visioni e paranoie, lo spettatore è altrettanto sperduto nel dubbio, e quando interviene la follia a chi guarda non resta che barcamenarsi come può tra passato e presente, sogno e realtà. Peccato che però tutto ciò si perda molto nella seconda parte, troppo occupata a tirare su metafore per non accorgersi che ci si annoia, e la senzazione è che nonostante la brevissima durata del film, giunto ad un certo punto Carrère avesse finito le idee per quello che sarebbe stato un bellissimo cortometraggio.

Si gusta con piacere e si dimentica al volo, come la realtà.

Un tantino fuorviante il titolo italiano, neh? Ma si sa, la francia è il paese dell’amore, ah, l’amour, e i francesi fanno solo film d’amore e si baciano con la lingua.

5 Thoughts on “

  1. Quanto ti invidio! Qui manco l’ombra di questo film.

    Paco

  2. lo vidi a suo tempo, e non mi dispiaque, 3 pallette

  3. utente anonimo on 1 luglio 2006 at 17:01 said:

    Dunque non ho fatto poi tanto male a scegliere, sabato scorso (ricordi?), ‘Verso Sud’, che mi è piaciuto. Avrei seguito il tuo consiglio, ma Charlotte mi chiamava dalla locandina come una sirena un po’ attempata, ma sempre molto affascinante…

    Flavio

  4. @blob: same pallettes here.

    @flavio: veramente non mi è mica spiaciuto, eh. poi Vers Le Sud non lo so come sia…

    vabbè recuperalo, se ti riesce, ma non è indispensabile.

  5. Già, stessa sensazione… la prima parte è fantastica, ma poi diventa un po’ inutile. Cmq x passare un pomeriggio a scappare dal caldo e vedere comunque un film piacevole… è l’ideale!

Rispondi a esseredalleden Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

You can add images to your comment by clicking here.

Post Navigation